venerdì, ottobre 22

Fra pascoli e malghe in zona Maregge

Trekking
Partenza da Maregge, passando per contrada Brutti, Merli, Malga Belfiore, Malga Saibe, Malga Rolli e ritorno a Maregge.


Il percorso inizia dalla chiesetta di Maregge, dove si imbocca la strada sterrata che coincide con il sentiero europeo E5.
In leggera discesa dopo pohe decine di minuti arriviamo in prossimità di un ponte di pietra che attraversa l'impluvio della Val Marisa, sotto il ponte inizia il sentiero infatti che perccorre la valle e ci permetterebbe di raggiungere Malga Scrovazze.


Proseguendo sulla strada sterrata in  tutta tranquillità tra rigogliosi boschi di faggio,  incrociamo il capitello votivo dedicato a Santa Teresa e arriviamo a Contrada Brutti.
Il borgo è  molto caratteristico ed è possibile vedere anche una tipica stele cimbra datata 1761 purtroppo priva dell'effige del santo.


martedì, ottobre 5

Dorsale Alta Lessinia

Trekking
Partenza da San Giorgio,  rif. Podesteria, Cima Castelberto e ritorno a San Giorgio.


Lunghezza: 23 Km
Dislivello: m. 267
Quota massima: m. 1757
Tempo medio percorrenza: 6h


N.B.  L'itinerario descritto è solo una parte della traversata denominata della Dorsale Alta della Lessinia descritta nella pubblicazione Sentieri Pasubio Carega. L'escursione completa infatti prevede la partenza da Giazza e arrivo a Fosse passando per Malga Parparo, Malga Campegno, San Giorgio, rif. Podesteria, Cima Castelberto, Malga Barognol , Malga Lavacchione, Spluga  della Preta e infine Fosse.

Si tratta di un lungo sentiero che, attraverso prati e boschi dell'Alta Lessinia, tocca alcune delle più caratteristiche malghe usate per l'alpeggio. E' un percorso molto panoramico che permette di dominare le valli che delimitano l'altopiano.

Il giro intero prevede 12/13 ore di cammino e con aspetti logistici del trasferimento da e per i luoghi di partenza e arrivo, da valutare attentamente, dato che Giazza e Fosse non sono proprio così vicine tra loro.

E' per questo quindi che propongo questa variante che tocca la parte centrale dell'itinerario in modo che i luoghi di partenza e arrivo siano gli stessi.
Vi riporto comunque in colore diverso la descrizione completa dell'itinerario; la traccia  caricata invece corrisponde al testo più scuro.

domenica, settembre 26

Corno d'Aquilio

Trekking

da Contrada Tommasi per Rocca Pia, Malga Fanta fino al Corno d'Aquilio e ritorno per Pealda Bassa.

Il Corno d'Aquilio ( o d'Aquiglio) è quella cima che segna  il limite nord-occidentale dell'altopiano della Lessinia,  e con le sue pareti strapiombanti che si affacciano imponenti direttamente sulla Val d'Adige ci offre una grandiosa visione della Val d'Adige e sui pascoli della Lessinia stessa.


L'itinerario proposto ha inizio dalla Contrada Tommasi raggiungibile facilmente arrivando a Sant'Anna D'Alfaedo e seguendo poi l'indicazione appunto per il Corno D'Aquiglio.

giovedì, settembre 23

II Monte Terrazzo e la Val Fraselle

Trekking Trekking
da Contrada Loke per Malga Terrazzo, passo Zevola ,  Malga Fraselle di Sopra e ritorno per Val Fraselle.


Lunghezza: 11 Km
Dislivello: m. 1080
Quota massima: m. 1856
Tempo medio percorrenza: 4h 30'


Quella che vado a descrivere è una delle tante e classiche uscite che si possono fare sulle montagne veronesi.
Si parte da Giazza, piccola frazione alle pendici del Carega, capitale cimbra per eccellenza .

Si lascia l'auto nei pressi del piccolo parcheggio all'imbocco della Val Fraselle, presso contrada Loke (782 metri), e da questa si sale a piedi lungo la strada asfaltata che da Giazza porta al rifugio Revolto. 
Superato l'Albergo Belvedere, una cinquantina di metri prima della colonia si prende a destra il sentiero segnalato dal CAI col n° 279 per Campostrìn e Terrazzo. 


Foresta dei Folignani

Trekking
da Vajo dell'Anguilla per Malga Arnezzo e ritorno per Vajo dei Modi.

Lunghezza: 10,5 Km
Dislivello: m. 475
Quota massima: m. 1502
Tempo medio percorrenza: 2h 30' / 3h



Il sentiero inizia nei pressi del Ponte dell’Anguilla (1050 m), lungo la strada che da Bosco Chiesanuova porta a Erbezzo; da qui si imbocca la strada forestale che risale il Vajo dell’Anguilla un'antica valle originata dallo scorrimento delle acque ed entra nella Foresta dei Folignani,  una delle più belle riserve naturali della Lessinia Veronese. 

lunedì, settembre 20

GPS Babel

Vi porto all'attenzione un utilissimo software, tra l'altro pure freeware, che permette di trasformare i file gps in altri formati compatibili per il nostro navigatore o per i vari software che utilizziamo.

Si tratta di GPSBabel  


GPSBabel converte waypoint, tracce e percorsi  da un formato gps ad un altro o permette il trasferimento da un dispositivo all’altro. Grazie all'interfaccia grafica abbastanza intuitiva,  (oppure da riga di comando per i più esperti),  tutto questo avviene in maniera semplice, rapida e non si deve per forza essere un esperto del computer per riuscire nella conversione.

venerdì, settembre 17

Dai Parpari agli Spiazzoi

Trekking
Questo itinerario si svolge in una località della Lessinia centrale ben conosciuta dai veronesi amanti della neve perchè sede di un Centro di Fondo e sulla strada per la località sciistica di San Giorgio. L'itinerario si svolge su prati e boschi di latifoglie per un dislivello complessivo di circa 200 metri ed è percorribile in tutte le stagioni ma il maggior fascino si coglie in autunno quando i faggi si colorano di rosso.

giovedì, settembre 16

Giro delle malghe

Trekking

Lunghezza: 15,5 Km
Dislivello: m. 540
Quota massima: m. 1765
Tempo medio percorrenza: 5h


Da Sega di Ala, lasciato l’Albergo Alpino, ci incamminiamo lunga la strada per Malga Maia ; dopo circa 1 km al primo bivio svoltiamo a sinistra, passando sotto uno degli ultimi nuclei di faggi secolari della Lessinia, autentici monumenti vegetali.
L'itinerario prosegue per una comoda stradina fino a Malga Cornafessa e seguendo il sentiero attraverso i pascoli e lungo un crinale ci portiamo alla sovrastante Malga Lavacchione.

lunedì, settembre 13

OpenStreetMap


OpenStreetMap è un progetto che punta a creare e fornire dati cartografici (ad esempio mappe stradali) liberi e gratuiti a chiunque ne abbia bisogno. Il progetto è stato avviato perché la gran parte delle mappe che si credono liberamente utilizzabili, hanno invece restrizioni legali o tecniche al loro uso e ciò ne impedisce l'uso per scopi produttivi, creativi o inattesi. 

Il Progetto Italia ha come obiettivo il raccogliere e coordinare gli sforzi per la realizzazione della cartografia italiana all'interno del progetto OpenStreetMap (OSM).
Ulteriori informazioni sull'uso di OpenStreetMap in Italia possono essere trovate al seguente indirizzo http://wiki.openstreetmap.org/wiki/WikiProject_Italy

 

giovedì, settembre 2

Cache in Lessinia


Il geocaching è un tipo di caccia al tesoro, una divertentissima attività che consiste attraverso l'utilizzo di un GPS,  nel cercare o nascondere dei contenitori detti appunto cache scoprendo così bellezze e curiosità del nostro pianeta. 

Il funzionamento del gioco è semplicissimo.
Gli "hiders", ossia i partecipanti al gioco che nascondono le cache, devono pubblicare sul sito ufficiale del gioco Geocaching.com le coordinate in cui si trova il contenitore, rilevate accuratamente con un ricevitore GPS, una descrizione del luogo e del perchè della cache, il tutto accompagnato da eventuali suggerimenti. 


mercoledì, settembre 1

Lessinia al tramonto

Trekking
da Bocca Vallina per Malga Coe Veronesi  toccando Castelberto e ritorno per Malga Lessinia.

Lunghezza: 12,5 Km
Dislivello: m. 317
Quota massima: m. 1757
Tempo medio percorrenza: 2h 30'


Un'escursione col calare del sole decisa all'ultimo minuto assieme a Ska, nata con l'intento di provare il nuovo gps Garmin 62s e godersi questo angolo della Lessinia in pace e solitudine quando non è affollato dai "merenderi" domenicali.  Camminata piacevole e poco impegnativa, col tragitto nemmeno tanto lungo vista l'ora tarda di partenza,  ma dai scenari spettacolari del Baldo in tramonto e il cielo cosparso di stelle.

lunedì, agosto 30

Cartografia cartacea


Un elenco della cartografia cartacea che si trova in commercio

(elenco in costante aggiornamento)





Sentieri Pasubio Carega (Ed. 2005)
EDITORE:  Sezioni Vicentine del C.A.I.
SCALA: 1 : 25.000
TIPO: mappa topografica 
ISBN: 97888614000005 

 
La pubblicazione comprende una guida di 168 pagine e due fogli cartografici  (Nord e Sud) in scala 1:25000.
La guida descrive il territorio della zona Pasubio Carega dal punto di vista geologico, naturalistico, storico, etnico.
Ogni sentiero indicato è presentato in modo completo da una scheda che riporta l’itinerario, i punti di appoggio, il dislivello e il tempo di percorrenza; il grado di difficoltà ed il periodo consigliato; le caratteristiche principali del sentiero; l’altimetria con i tempi parziali sia di andata sia di ritorno; la descrizione del percorso completata da riferimenti storici e naturalistici; alcune fotografie di alcuni dei punti caratteristici;
La guida contiene inoltre la descrizione di 24 itinerari invernali da percorrere con le ciaspole.
Per la realizzazione delle carte un notevole lavoro è stato svolto nella rilevazione  dei sentieri con l'ausilio del GPS, permettendo così una notevole precisione di rappresentazione.


Cartografia Garmin


Vediamo un po'  il panorama cartografico digitale , con particolare attenzione a cosa si può trovare attualmente sul mercato. In questo articolo vedremo che cosa offre a livello topografico per la nostra zona un'azienda leader del settore, la Garmin.


giovedì, agosto 26

Garmin: custom map


L’azienda leader mondiale nel mondo della navigazione satellitare ha messo a disposizione da qualche mese per i GPS di ultima generazione la funzionalità Custom Maps, che permette di integrare nel proprio GPS da outdoor la cartografia digitale vettoriale con la cartografia cartacea.


Attualmente i modelli abilitati a questa funzionalità sono solo il Colorado, Dakota, Oregon e i neonati  di casa Garmin i Gpsmap 62/78.


Il documento guida rilasciato da Garmin per la realizzazione delle Custom maps
lo potete scaricare QUI e il procedimento si basa sull'utilizzo di Google earth.

Il metodo che spiego invece qui di seguito è un altro dei tanti sistemi per preparare le proprie cartine kmz da importare sul Garmin.

mercoledì, agosto 25

Perchè Lessinia GPS ?

Trekking Trekking
Questo blog nasce in una notte afosa di agosto, una di quelle notti in cui non trovi un attimo di pace, il sonno non arriva e ti rigiri nel letto in continuazione alla ricerca dell'angolo più fresco del lenzuolo. Sono quelle classiche notti in cui sogni di essere altrove, con la mente sgombera da pensieri, e quando guardando fuori dalla finestra scorgi in lontananza i profili dolci della Lessinia,  illuminati dalla luna piena,  vieni come d'incanto rapito e col pensiero ti immagini di essere là,  a cavalcare quelle fantastiche colline.

La Lessinia, chissà quante volta l'abbiamo percorsa in lungo e in largo, chi a piedi,  chi a cavallo o in montain byke, eppure chi come me ha la passione del GPS se cerca in rete qualche traccia , waypoint o altro trova poco o nulla.
Ecco allora l'idea di questo blog, con la speranza che diventi in futuro un punto di riferimento per chi desidera avvicinarsi a queste splendide prealpi Venete armato del suo gps.