Geocaching


Geocaching - Logo Ufficiale

Il geocaching è un tipo di caccia al tesoro, una divertentissima attività che consiste attraverso l'utilizzo di un GPS,  nel cercare o nascondere dei contenitori detti appunto cache scoprendo così bellezze e curiosità del nostro pianeta. 

Il funzionamento del gioco è semplicissimo.
Gli "hiders", ossia i partecipanti al gioco che nascondono le cache, devono pubblicare sul sito ufficiale del gioco Geocaching.com le coordinate in cui si trova il contenitore, rilevate accuratamente con un ricevitore GPS, una descrizione del luogo e del perchè della cache, il tutto accompagnato da eventuali suggerimenti. 

Nella norma, un cache è un contenitore da frigorifero, come ad esempio i famosi tupperware, al cui interno si deve trovare sempre almeno un "logbook" ossia un piccolo blocco note sul quale il geocacher lascia un segno del passaggio sottoforma di firma o anche di un commento. Solitamente, oltre al logbook, si trovano anche oggetti di scarso valore (piccoli giocattoli, gadget, monetine, ecc), qualche volta anche una macchina fotografica usa e getta che viene utilizzata per "scattarsi una fotografia ricordo" anche se ultimamente questa abitudine sta sempre più scemando.

I "seekers", ossia gli utenti che vogliono cimentarsi nel ritrovamento delle cache, possono accedere al sito web, acquisire le coordinate della o delle cache che intendono cercare e, dotati a loro volta di un ricevitore GPS, si cimentano nella ricerca della scatola che contiene il tesoro. Una volta ritrovata, il geocacher deve seguire le semplicissime regole del gioco: riportare nel logbook  il proprio ritrovamento e se si vuole si può prendere un oggetto dal contenitore, ma in quel caso bisogna lasciarne uno proprio. In questo modo i contenuti della cache cambiano ad ogni visita. 
Solo dopo aver trovato il tesoro è possibile riportare sulla pagina della cache il proprio ritrovamento, cercando, se possibile, di corredarlo di foto e, magari, di altre annotazioni che possono eventualmente fornire indicazioni a chi l'ha nascosto (e magari anche a chi lo vuole cercare). 
Ad esempio è molto importante riportare se il contenitore non si trova in buono stato, se non è più protetto, se il logbook sta per finire o altre annotazioni. In questo modo le pagine web dedicate alle varie cache si arricchiscono anch'esse via via di commenti, foto, segnalazioni, e così via.


A questo punto uno si può chiedere, ma dove sta la difficoltà e il bello del gioco? Col gps so benissimo dove si trova la cache. 
Esatto. Sembra tutto piuttosto elementare ma un conto è sapere dove si trova un oggetto ma arrivare sul posto e trovarlo è completamente diverso.

Bisogna sempre tenere conto che la precisione del GPS non è sempre affidabile, ed all'errore della propria unità gps bisogna anche sommare quella dell'unità di chi l'ha nascosta.  Nonostante si migliori sempre, c'è sempre un minimo errore sull'unità GPS e non sempre il nascondiglio è così evidente. 
Ed anche questo rende il gioco appassionante.